Formazione

L'Accordo sulla libera circolazione delle persone riguarda la mobilità delle persone attive professionalmente e non quella degli studenti. La mobilità degli studenti, in primo luogo universitari, è oggetto di altri testi di legge e risponde a regole diverse.

La Convenzione di Lisbona è entrata in vigore per la Svizzera il 1° febbraio 1999. Questo testo giuridico regola l'accesso ai corsi di istruzione superiore. La Convenzione facilita, tra l'altro, la mobilità accademica dei cittadini svizzeri. Questa è facilitata anche da accordi bilaterali con i Paesi vicini. La mobilità è possibile a tutti i livelli di istruzione.

Programmi dell’Unione europea in ambito formativo

I programmi europei in ambito formativo sono i principali strumenti dell’UE per attuare la politica comunitaria in materia di formazione. Il programma «Erasmus+», lanciato il 1° gennaio 2014, durerà fino al 2020. Dispone di un budget di circa 14,8 miliardi di euro.

Per «Erasmus+» la Svizzera è considerata un Paese terzo. L’implementazione del programma è di competenza della Fondazione svizzera per la promozione degli scambi e della mobilità, che opera con il nome «Movetia».

Ultima modifica 30.06.2020

Inizio pagina

Contatto

Conferenza dei rettori delle università svizzere CRUS
Sennweg 2
3012 Berna
T +41 31 306 60 42
F +41 31 306 60 20

Stampare contatto

https://www.personenfreizuegigkeit.admin.ch/content/fza/it/home/aufenthalt_und_arbeitsmarkt/bildung.html