Sicurezza sociale

Per accompagnare e agevolare la libera circolazione delle persone, l’Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) coordina i diversi sistemi nazionali di sicurezza sociale, senza tuttavia uniformarli. Ogni Paese conserva la struttura, il genere e l’importo dei propri contributi e delle proprie prestazioni. La libera circolazione delle persone tutela i diritti in materia di sicurezza sociale delle persone che si spostano in Svizzera, nell’UE o nei Paesi dell’Associazione europea di libero scambio (AELS).

L’ALC e i regolamenti (CE) n. 883/04 e n. 987/09 relativi al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale, cui si fa riferimento nel testo dell’Accordo, coprono i cittadini svizzeri o di uno Stato membro dell’UE sottoposti alle normative di sicurezza sociale di uno o più di questi Paesi. Anche i loro familiari sono coperti per quanto riguarda il diritto a determinate prestazioni.

Tali disposizioni sono applicabili a tutti i settori della sicurezza sociale (vecchiaia, invalidità, decesso, malattia, maternità, infortuni subiti nell’ambito lavorativo e malattie professionali, disoccupazione, assegni familiari). L’aiuto sociale non è incluso.

La Convenzione istitutiva dell’AELS comprende principi di coordinamento molto vicini all’ALC e si applica ai cittadini dei quattro Stati seguenti: Svizzera, Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

Le stesse regole di coordinamento (regolamento (CE) n.883/2004 e 987/2009) sono applicabili, da un lato, nei rapporti tra la Svizzera e gli Stati membri dell’UE e, dall’altro, in quelli tra la Svizzera e gli Stati membri dell’AELS.

Tuttavia, i regolamenti (CE) n.883/2004 e 987/2009 non trovano applicazione nelle situazioni che riguardano al contempo un rapporto con la Svizzera, l’UE e l’AELS, poiché non esiste un accordo ombrello specifico.

L’ALC e la Convenzione AELS non sono infatti legate tra loro e i rispettivi campi di applicazione si limitano ai cittadini degli Stati contraenti di ciascun accordo. Ad esempio, quindi, le regole dell’ALC non si applicano per un cittadino del Liechtenstein che risiede in Austria e lavora in Svizzera.

Link

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 27.11.2018

Contatto

Contatto / informazioni

Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS
Ambito Affari internazionali / Convenzioni
Effingerstrasse 20
3003 Berna
T
+41 58 462 90 11