Mercato dell'alloggio

L'introduzione della libera circolazione delle persone ha avuto un effetto sul tasso d’immigrazione in Svizzera. L'Ufficio federale delle abitazioni UFAB osserva le conseguenze di questi cambiamenti strutturali e quantitativi sul mercato dell'alloggio con un monitoring aggiornato annuale.

I risultati per l’anno 2019 dimostrano che il mercato abitativo conosce ancora profondi squilibri: sia tra il settore degli affitti e quello della proprietà, sia tra le diverse regioni.

L’andamento in atto sul mercato abitativo svizzero già dal 2018 è proseguito anche nel 2019. Rispetto all’anno precedente, nel 2019 i nuclei familiari – svizzeri e stranieri – e l’offerta di alloggi mantengono all’incirca il medesimo trend: l’offerta abitativa cresce di più rispetto al numero di famiglie.

Inoltre si è continuato a costruire soprattutto nel settore dell’affitto e, rispetto alla metà del decennio, l’immigrazione è nettamente calata. Ciò ha aggravato ulteriormente gli squilibri in atto. Se in alcuni segmenti del mercato degli affitti l’offerta è in netta eccedenza, sul mercato della proprietà si registra invece una forte tensione: in particolare a Zurigo, nella Svizzera centrale, nella regione del Lemano come pure, anche se in misura più ridotta, nella regione dell’Altopiano. Nelle altre regioni la situazione complessiva è invece più distesa.

Nel 2019, in conseguenza del calo dell’immigrazione, la situazione sul mercato locativo si è allentata. Le famiglie straniere – in misura dell’87 per cento formate da inquilini – hanno contribuito ancora per circa un terzo alla crescita dei nuclei familiari in Svizzera. Fatta eccezione per la regione di Zurigo, tutti i mercati sono più o meno in equilibrio. Tuttavia a Zurigo, nella regione del Lemano, nella Svizzera centrale e nella regione dell’Altopiano i segmenti di prezzo inferiori sono sotto pressione e gli alloggi scarseggiano. L’offerta è invece eccedente nella Svizzera nord-occidentale, nella Svizzera orientale e in Ticino. In queste regioni la situazione è distesa in tutti i segmenti di prezzo (superiore, medio e inferiore). Nella Svizzera orientale le famiglie straniere contribuiscono in misura superiore al 50 per cento e stabilizzano il mercato degli affitti.

Sul mercato della proprietà si osservano invece una crescita della domanda e un aumento della pressione sui prezzi. La scarsità di alloggi ha raggiunto il livello del 2014. Tra le regioni si registrano differenze soltanto in relazione ai prezzi, e tra i vari segmenti di prezzo le differenze sono minime. Questa situazione è da ricondurre alla crescita insufficiente dell’offerta, a cui si contrappone una costante domanda di alloggi di proprietà. Rispetto all’anno precedente, nel 2019 la domanda proveniente dalle famiglie svizzere è rimasta elevata ma non è cresciuta ulteriormente, a causa del livello dei prezzi e degli ostacoli legati ai fondi propri necessari per il finanziamento.

Link

Ultima modifica 08.02.2021

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale delle abitazioni UFAB
Storchengasse 6
2540 Grenchen
T +41 58 480 91 11
info@bwo.admin.ch

Stampare contatto

https://www.ejpd.admin.ch/content/fza/it/home/auswirkungen/wohnungsmarkt.html